La cucina viene sempre più spesso considerata "il cuore della casa", pertanto è doveroso avere un occhio di riguardo nella scelta dello stile, della funzionalità e dei materiali.

La prima domanda da farsi è: "voglio una cucina di rappresentanza, una cucina da vivere o entrambe le cose?"

C'è chi desidera una cucina "da vetrina" ed una zona cottura separata dove mettersi ai fornelli, c'è chi preferisce affidarsi alla funzionalità della zona giorno e chi, adattandosi agli spazi, vuole trovare una buona via di mezzo. Nessuna di queste soluzioni è sbagliata... l'importante è fare la scelta che più si avvicini alle proprie esigenze.

Scelta della cucina

Lo step successivo è quello di capire come organizzare al meglio gli spazi.
Nel progettare una cucina, ci sono alcuni punti indispensabili da tener conto, come rispettare le distanze minime per agevolare il passaggio o disporre in modo strategico piano di lavoro, pensili, lavello, elettrodomestici, ecc. per rendere fruibile le operazioni di chi lavora nella stanza. La soluzione ideale è quella di aver tutto a portata di mano, senza dover sacrificare però i movimenti.

Quale composizione scegliere?
E' possibile avere svariati tipi di layout, come la disposizione lineare a "L", a "U", con isola e/o penisola, ecc.
Di seguito qualche esempio:

Lago 36e8 Wildwood
Composizione 36e8 Wildwood di Lago

Varenna Matrix
Composizione Matrix di Varenna

Veneta Cucine - Oyster Pro
Composizione Oyster PRO Essence di Veneta Cucine

Xila ST Boffi
Composizione Xila ST di Boffi

E' inutile dire che la scelta della composizione è veicolata soprattutto dallo spazio disponibile, pertanto diventa d'obbligo lavorare sulla pianta dell'ambiente, considerando planimetria, barriere architettoniche, collegamenti gas/idrici ed elettrici; ricordandosi sempre di rispettare distanze minime e disposizioni della zona lavoro.

Nella scelta della composizione sarebbe utile tener conto anche altri aspetti come il numero di persone che in media si pensa di ospitare a pranzo o a cena, oppure quanti "cuochi" solitamente si rimboccano le maniche per preparare pietanze o qualsiasi altra sfaccettatura utile ad affinare la propria idea di cucina.

Quante più informazioni si metteranno nel calderone in fase di progetto, tanto più semplice sarà avere una cucina cucita addosso ai propri desideri.

Planimetria

E' impossibile tralasciare la scelta dello stile: decisione prettamente soggettiva.

Il mercato oggi ci offre un enorme ventaglio di alternative, dal classico al moderno, dal country-chic al nordico, dal minimal al più sfarzoso arredamento immaginabile. La linea guida è quella di attenersi all'armonia del resto della casa (specialmente nel caso di openspace), ma non è di certo una regola.

Anche la scelta dei materiali è dettata dal gusto, ma in questo caso entra in gioco anche la variabile "budget".

Investire sulla qualità, nei limiti delle proprie possibilità, è sempre la soluzione migliore!

Quando si progetta una cucina?

Di solito a seguito di una nuova casa, di una ristrutturazione o semplicemente dalla voglia di rinnovare l'arredamento. Non tutti riescono a sostenere lo stress di questo impegno, o non ne hanno il tempo e/o le competenze.

Il consiglio è quello di affidarsi ad un esperto e mantenere per se il solo entusiasmo di pensare "alla cucina dei propri sogni".