Il gusto del "mix and match" (mescolare ed abbinare), nasce in realtà nel mondo della moda e consiste nella capacità di miscelare stili diversi nella stessa idea, combinando materiali, colori e forme differenti, realizzando così un look originale ed unico nella sua diversità.

Grandi ambasciatori di quest'arte sono stati ad esempio Coco Chanel,

Coco Chanel

che negli anni '20 inventò il "lusso misero", combinando gonne sopra al ginocchio e maglioni bianchi, oppure i Teddy Boys, gruppo inglese che mescolava camice di velluto con giacche e cravatte strette.

Teddy Boys

Questa scuola di pensiero viene adottata anche nell'arredamento da grandi designer come Daniele Lago ad esempio che, con il suo tavolo Air Wildwood, è riuscito ad abbinare vetro trasparente e legno di "bosco selvaggio" in un'unica opera, combinando due materiali che all'apparenza non hanno alcuna relazione ma, se visti da un occhio fantasioso, possono dar vita ad un prodotto che regala emozioni, come la sensazione di sedersi davanti un tavolo sospeso in aria.

Lago Air Wildwood

L'idea di mix and match, possiamo trovarla anche nella voglia di reinventare icone, come nel caso del divano Chester di casa Poltrona Frau nato nel 1912 (rigorosamente in pelle), ispirato all'arredamento che popolava in quegli anni i club e le country house inglesi e poi ridefinito in chiave contemporanea nella versione 2017 con il nome di "Chester Line", accostando rivestimenti in velluto e combinando l'old british style a composizioni moderne.

Chester Line di Poltrona Frau

Anche gli interior designer spesso riescono a soddisfare i gusti dei propri clienti scegliendo lo stile di un'azienda abbinato ai colori di un altra, pensando ai materiali di un altra ancora.

L'idea del "bello", si è ormai spostata al "mi piace", come giusto che sia.

Ogni individuo è unico e come tale deve poter scegliere il proprio arredamento per come se lo immagina.... e se può immaginarlo (anche grazie al concetto di mix and match) è possibile realizzarlo.